Welcome

Benvenuti nel Blog di Melina e Giada ^^
In questo blog pubblicheremo le nostre fan fiction
Potete leggerle e commentarle ma NON COPIARLE in alcun modo =)
Buon divertimento =)

Regolamentooo

Come in ogni Blog che si rispetti, anche qui ci sono poche e semplicissime regole da seguire:)
1) NON copiare le fanfiction di altri autori, usate la vostra fantasia
2) Nei commenti cercate di essere gentili, se l'autore ha fatto degli errori e volete correggerlo, fatelo, ma con garbo
3) NON scrivete tutto in maiuscolo, nè le recensioni nè le storie
4) NON scrivete in linguaggio sms
5) Per essere autorizzati a pubblicare le vostre storie, cliccate sul link apposito che vi porterà nell'altro nostro Blog addetto

Detto ciò, non dimenticate la 6° ma non meno importante regola! DIVERTITEVI!!! :D

lunedì 13 agosto 2012

C'è sempre una speranza (17)


Vegeta e Kurt, due spietati soldati delle S.S., le Schutzstaffel, all'arrivo del treno al campo di sterminio, conducono, insieme ai loro comilitoni, gli ebrei all'interno del lager.

Rischiando ogni giorno la morte, una Judea riuscirà a rompere il ghiaccio nel cuore del crudele soldato. Riusciranno a scappare da Auschwitz? Si salveranno? Non vi resta che leggere.

Storia scritta con Stellina86

[Capitolo 5 modificato]

Autore: vegeta4e | Rating: Arancione | Genere: Guerra, Romantico, Storico |  Personaggi: Bulma, Chichi, Goku, Nuovo personaggio, Vegeta

Pubblicata: 26/09/10 | Aggiornata: 27/01/12 | Note: AU | In corso

Categoria: Anime & Manga > Dragon Ball |


C'È SEMPRE UNA SPERANZA


24 dicembre 1944 - Zurigo - Svizzera

Tornato in macchina, trovo Bulma e il marmocchio già seduti. Metto in moto dirigendomi fuori città per seppellire Mark.
Dopo averlo ricoperto metto sul tumulo alcuni fiori. Non ho nient’altro da lasciare a lui, come ho fatto con Kurt... O forse... Porto rapido una mano nella tasca destra dei pantaloni, prendo il portafoglio praticamente vuoto. Cerco nelle varie tasche, quando finalmente la trovo: una foto che risale a quando avevo circa l’età di Shulim e nella quale ci siamo io, mio padre e mia madre, poco prima che morissero entrambi, Mark e sua moglie Jane. Scavo un piccolo buco, appoggiando poi la foto sul petto del mio amico. Sto lì qualche minuto, dopo di che mi alzo per tornare alla macchina. Facciamo appena in tempo a tornare in città, quando la jeep si ferma

“ Cazzo... Non c'è più carburante! Dobbiamo proseguire a piedi “ scendo seguito dal marmocchio, che mi trotterella dietro, e da lei. Dopo un paio d'ore raggiungiamo il porto, lì troviamo due soldati che parlano tra loro

“ Guarda! Due soldati! Magari sono dalla nostra parte! “ afferma Bulma

“ Tsk fantastico. Non mi bastava solo lui! Altri italiani! “

“ E smettila! In questo momento dobbiamo pensare a salvarci la pelle! Non fare lo schizzinoso! “

“ Non mi fido! Chi ti garantisce che non siano dalla parte di Mussolini?! “

“ Hanno la divisa di Goku! Sono partigiani per forza! “

“ Vorrei ricordarti che in Italia c‘è la repubblica di salò! E quelli stanno con Hitler! “

“ Ma se hanno la stessa divisa di Goku significa che sono contro il regime! “ si gira ed ignorandomi si avvicina ai due

“ Salve! “ dice in tedesco con un sorriso cordiale. Quelli la guardano senza capire, così mi avvicino. Anni fa sapevo qualche parola di italiano

“ Siete italiani? “ chiedo. I due si girano verso di me

“ Sì. Chi siete? “ dice uno dei due con un accento marcato

“ Stiamo scappando! I tedeschi ci inseguono “ dice Bulma. Io la fulmino con lo sguardo sorpreso di constatare che anche lei conosce l'italiano

“ Ah, e come mai? “ lei fa per rispondere, ma io intervento

“ Non credo siano affari vostri. Voi, piuttosto, di dove siete? “

“ Lui è genovese, io romano “

“ E siete con Mussolini o contro? “

“ Non credo siano affari vostri “ risponde il romano

“ Ma come siete simpatici voi italiani. Un cactus in fronte sarebbe meglio “

“ Noi stiamo cercando un nostro compagno “ dice il genovese

“ Hmhmhm già... Compagno, ahahaha “ ridacchia l’amico

“ Avete detto che cercate uno dei vostri? “ chiede Bulma

“ Sì, è scappato mesi fa, non sappiamo dove sia andato “ spiega il romano

“ Ci potete dire il nome? “ continua lei

“ Goku “

“ Goku?! Ma noi lo conosciamo!! “ dice lei

“ Davvero?! E dov'è? “

“ Non lo sappiamo, l'ultima volta l'abbiamo visto in Germania, poi non so... Ma se siete suoi amici potete darci una mano! “

“ No! Non abbiamo bisogno di aiuto! “ intervengo io

“ Stai zitto tu! “ mi redarguisce lei

“ E dimmi, dove siete diretti? “ chiede il genovese

“ Non sono affari vostri! “ soggiungo

“ Smettila!!! “ mi urla in faccia lei

“ Eravamo diretti qui, in Svizzera, perché pensavamo che essendo neutrale i tedeschi non avessero potere, ma ci sbagliavamo... Sono arrivati anche qui "

“ Io vi consiglio di andare a nord, siamo diretti in Danimarca, se volete possiamo darvi un passaggio e farvi scendere dove preferite “ dice il romano

“ No. Andiamo da soli “ affermo

“ Vegeta!! A te non va bene niente! È solo un passaggio! "

“ Non mi fido! “

“ No! Non comandi tu! “

“ Finiremo nei guai!! “

“ Io dico di no! “

“ Beh, noi non abbiamo molto tempo, se volete venire la nostra macchina è qui vicino “ loro si incamminano e Bulma, prendendo per mano il marmocchio, li segue. Io rimango fermo, questi non mi convincono per niente

“ Beh?! Non vieni? Hai il coraggio di lasciarmi da sola?! “ dice lei. Sbuffo e dopo aver calciato una pietra seguo gli italiani. Saliamo su una bella jeep, sedili comodi e con il motore potente. Noi tre ci sediamo dietro, il genovese alla guida e il romano accanto. Mette in moto e partiamo. Passano ore e ancora non arriviamo al confine. Quella sera, mentre Bulma e il marmocchio dormono tranquilli sul sedile, io guardo fuori dal finestrino, scorgo dei monti. Mi sorge un dubbio atroce

“ Che monti sono quelli? “ domando

“ Le Alpi “ dice tranquillamente il genovese

“ COSA?! “ urlo. Bulma e il moccioso si svegliano di soprassalto

“ Sta zitto! “ fa il romano impugnando improvvisamente un fucile

“ Lo sapevo!! Ci hanno fregati! La prossima volta che ti do retta giuro che prendo a testate un muro! “ dico a Bulma

“ Taci! Ahahah e adesso portiamoli da Mussolini “ ghigna il genovese. In un momento di distrazione del romano, afferro la canna del fucile, strappandoglielo di mano. Trovandosi disarmato all’improvviso, non sa come reagire e mi fissa immobile

“ Adesso fai inversione e ci riporti indietro, o giuro che vi faccio fuori adesso! “

“ … Calma… Noi… "

“ Sta zitto!! “ carico il colpo. Il genovese rallenta fino a fermare la macchina e io gli ordino di scendere. Una volta che loro sono fuori dal veicolo io li raggiungo, puntandogli contro l’arma.

“ La pagherete cara per averci fatto perdere tempo! “ senza lasciar loro il tempo di reagire sparo, ammazzandoli entrambi.


            … To be continued…

Nessun commento:

Posta un commento